Archivi Giornalieri: 9 Marzo 2019

1 articolo

Brianza: grande Orienteering in piccoli spazi

(di Andrea Migliore)

Ritorna il trofeo Lombardia ed è la Brianza ad ospitare il primo atto. Terra di capannoni industri e curati campi, di ville patrizie e ora anche di erti valloni. È difficile stabilire chi tra uomo e Natura abbia condizionato di più, perché i boschi hanno il carattere pratico e versatile della gente di questo luogo: dovendo adattarsi negli interstizi lasciati dalle attività umane hanno saputo sviluppare problemi orientistici in pochi metri di spazio. Le selve brianzole non hanno l’agio di quelle trentine, che hanno a disposizione versanti infiniti, né gli spazi della campagna carsiche, che può sparpagliare muretti e massi a iosa; è pertanto costretta a condensare in pochi metri ripide coste in cui andare in curva e intricati punti irti di rovi e rami fastidiosi, ma anche piccole oasi di bosco bianco dove la bussola diventa sovrana. Non si può trovare, ovviamente, l’eleganza classica di un bosco del Cansiglio, né i quadri astratti di certe selve liguri dove le forme e le curve si mischiano in un intrico difficilmente comprensibile ai meno esperti; a contatto da secoli con gente pratica, con imprenditori e commercianti, la natura brianzola si adatta a tutto, ma non si piega ad eccessive cattiverie che rovinerebbero la piazza.

Si parte dai placidi campi a nord di Canonica, ed è giusto così perché i bianco-rosso-blu hanno ancora negli occhi e nel cuore la messe di successi ottenuta pochi mesi fa in altri campi, più assolati ed aspri, culminata con un’eccezionale doppietta in WE. Ma sono davvero pochi i metri facili, poi si viene proiettati nel primo dei fatali valloni. All’apparenza l’approccio è agevole: si scende su un ampio sentiero, lisciato per le biciclette e gli escursionisti: lusso esagerato per orientisti abituati ad aprirsi la strada tra rovi e pietraie. Eppure i versanti incombono, adornati di macchie fitte e rovi e avvallamenti. Il tracciato obbliga a salire e scendere da queste erte ripide, dove la natura di questa terra precisa ha saputo condensare in pochi metri tagli in curva o nei verdi, piccole aree di rovi che tendono agguati e diritti versanti che tolgono il fiato. E ogni volta che si torna dabbasso, il sentiero, che era parso tanto semplice e facile, si prende il gusto di contorcersi, di mischiarsi con il fiume in secca, togliendo certezze alla mente affaticata dalla lotta con il sottobosco.

Un breve respiro con un trasferimento tra i campi e si ricomincia: altro vallone, altra corsa. Su e giù senza sosta appigliandosi alla bussola e ai riferimenti che qua e là appaiono. La terra brianzola prepara un terreno impegnativo, ma non mette mai una faccia troppo cattiva che non si addice al suo animo pratico. Non siamo nelle montagne sospettose, dove il bosco partecipa a modo suo nello scoraggiare il forestiero. Ma poca cattiveria non significa banalità: è pur sempre un bosco serio e di qualità. Così il tratto finale non molla affatto in difficoltà tecniche, tanto che l’arrivo è una rampa in salita che pone l’ultimo discrimine tra chi è uscito a testa alta e chi è giunto con le gambe in croce.

Buoni risultati per la squadra di casa, nonostante avesse impegnato diversi elementi sul fronte organizzativo e alcune tra le migliori carte erano impegnate con la Nazionale a Piacenza. Come sempre brillano i master, con Stefano e Gianluca per cui è quasi riduttivo parlare di vittoria visto il pesante distacco rifilato agli avversari. In W55 ci deve pensare un’atleta svizzera a negare un podio tutto bianco-rosso-blu, ma si deve segnalare che il metallo più pesante è rimasto in Brianza grazie ad una prova maiuscola di Anna.

Dovendo schierare formazioni piuttosto rimaneggiate, sfuggono i risultati nelle categorie regine, dove tutti gli élite besanesi sono fuori dal podio; mentre brillano i più giovani. Due vittorie (Alessandro in M14 e Chiara in W12) e due secondi posti. Letizia si ferma a due minuti dalla vittoria in W16, mentre Marco Anselmo sfiora il successo in M18: e contando che tre anni a quest’età pesano eccome, i venti secondi di distacco davvero sono una mezza vittoria.